Per accedere alla scheda di presentazione di ogni partner, clicca sulla bandierina corrispondente sulla cartina.

Partner

Il consorzio InnoVine è composto da 27 partner e riunisce le competenze di oltre 100 ricercatori o produttori specializzati nel campo della vitivinicoltura. I partner provengono da 7 paesi europei, dove è concentrata gran parte della superficie vitate europea con condizioni contrastanti a livello ambientale, economico e sociale.

I team partecipanti coprono un’ampia serie di discipline scientifiche nel campo della viticoltura (per es. genetica e selezione della vite, fisiologia, ecologia, epidemiologia, patologia) e presentano competenze tecniche in statistica, fenotipizzazione, database, modellizzazione, DSS e sviluppo di dispositivi di monitoraggio. I partenariati sono, all’incirca, metà pubblici e metà privati, incluse PMI, una grande azienda vinicola e un vivaio cooperativo.



Contatto



Dr Manfred Stoll
Forschungsanstalt Geisenheim
Von-Lade-Str. 1
65366 Geisenheim
Germania
Tel. +49 672 250 2141
Sito: www.hs-geisenheim.de

Geisenheim Research Centre (GRC)

Competenze

Il centro Geisenheim si occupa di ricerca fondamentale e applicata nei campi della viticoltura, enologia, tecnologia delle bevande, orticoltura e soggetti collegati. Il centro di ricerca Geisenheim si prefigge di creare legami tra le scienze fondamentali e le scienze applicate, portando quindi la ricerca fondamentale in applicazione in campo a beneficio di consumatori, coltivatori, consulenti e pubblica amministrazione.

Ruolo

Il centro di ricerca Geisenheim parteciperà ai WP1, WP2 e WP4. La modellizzazione di strumenti costituisce la base della ricerca sul cambiamento climatico e di conseguenza il centro Geisenheim sta attualmente sviluppando la prima struttura FACE (Free Air CO2 Enrichment) al mondo, per l’orticoltura e la viticoltura. Il GRC ha accesso a vigneti sperimentali, importanti per la conduzione di sperimentazioni sull’adattamento dei sistemi di gestione viticola (WP2) o per l’attuazione di DSS (WP4).

Responsabili partecipanti


Il Dott. Manfred Stoll (PhD, Dipl. Biol, Dipl. Ing) dirige attualmente il dipartimento di viticoltura ed è a capo del team. In qualità di biologo e tecnico viticolo, l’obiettivo della sua ricerca è migliorare la comprensione ecofisiologica della vite e di mettere in atto i risultati nelle pratiche gestionali applicate. I suoi campi di ricerca includono: termografia e sensori di prossimità, adattamento e variabilità della vigna rispetto alle condizioni ambientali e l’impatto del cambiamento climatico sulla produzione presente e futura.


La Dott.ssa Susanne Tittmann (Dr rer. nat., Dipl. Biol) è  una ricercatrice del dipartimento di viticoltura. Il suo lavoro riguarda prevalentemente l’ecofisiologia e la fisiologia vegetale rispetto al cambiamento delle condizioni ambientali, usando metodologie non invasive per determinare le condizioni idriche o nutritive della pianta e per creare tecnologie con sensori di prossimità, che possano sia individuare precocemente la presenza di agenti patogeni, sia dare una valutazione sulla qualità del frutto.


La Prof. Dott.ssa Beate Berkelmann-Löhnertz (Dr sc. agr., Dipl. Biol.) è una ricercatrice di grado superiore, patologa vegetale al Dipartimento di Fitomedicina e direttrice del gruppo di lavoro “Malattia della vite e lotta”. Nel corso degli ultimi dieci anni, le sue ricerche si sono concentrate sulle strategie di lotta ecologicamente sensate, per es. riduzione del rame nella viticoltura biologica, e sulle “nuove” malattie della vite, per es. il marciume nero. Un altro campo di ricerca specifico riguarda l’elaborazione e la convalida di un nuovo modello di previsione delle malattie, in particolare per quel che riguarda la peronospora (Plasmopara viticola).


Il Prof. Dott. Hans Reiner Schultz è il direttore provvisorio del centro di ricerca Geisenheim. Fino al 2009 ha diretto l’Istituto di viticoltura e genetica viticola, con interessi di ricerca nel campo della viticoltura in generale, fisiologia dello stress ambientale, cambiamento climatico, modellizzazione e metaboliti secondari delle uve. Da moltissimi anni pubblica regolarmente in famose riviste internazionali e svolge il ruolo di critico in molti settori delle scienze vegetali.

Risorse materiali

Il centro di ricerca Geisenheim fornirà agli altri partner l’accesso a un sistema FACE (Free air carbon enrichment) per le viti, usando i vitigni Riesling e Cabernet Sauvignon. Il centro di ricerca Geisenheim ha accesso a 24 ettari di vigneti sperimentali propri, messi a disposizione per il WP2 e il WP4. Al centro di ricerca Geisenheim è disponibile non solo tutta la catena di produzione dal campo al prodotto finale, ma anche una vasta gamma di tecniche di misurazione ecofisiologiche ed esperimenti di modellizzazione e monitoraggio degli agenti patogeni.

 
 
European Union
Innovine Innovine è un progetto collaborativo europeo che ha ricevuto finanziamenti dal Settimo programma quadro dell'Unione europea per la ricerca, sviluppo tecnologico e dimostrazione con la convenzione di sovvenzione n° 311775.
Note legali - Mappa del sito  - copyright Innovine ©2013